Attività sul campo
- MONITORAGGIO DEI GHIACCIAI LOMBARDI:
il SGL utilizza una tecnica originale, il metodo fotocartografico, che consente, da un rilievo cartografico a colori eseguito sulla base di foto terrestri, di computerizzare le superfici glaciali e le loro parti coperte di morenico e quelle interessate da innevamento residuo dell’anno. Questo monitoraggio di base è svolto in aggiunta alle tradizionali operazioni di misura frontale, i cui dati vengono utilizzati anche dal Comitato Glaciologico Italiano. Nel 2006 è stata messa a punto una profonda revisione del numero degli apparati da osservare ogni anno (ghiacciai-campione) e a rotazione quinquennale.
E’ in corso un ulteriore affinamento di questa metodica, che prevede studi annuali più approfonditi su alcuni ghiacciai-campione ai fini della definizione di una attendibile stima quali-quantitativa del bilancio idrico glaciale annuale dell’intera Regione Lombardia.
Collateralmente viene svolto il monitoraggio di due ghiacciai-campione (Suretta Sud, Valle di S. Giacomo, e Campo Nord, Livigno), utilizzando una metodica integrata che comprende:
- rilievo GPS differenziale per il bilancio di massa annuale;
- rilievo geo-radar per la determinazione del volume reale;
- bilancio di massa tradizionale mediante paline ablatometriche;
- fotocartografia e nivologia applicata per la determinazione dei residui nevosi e della loro densità.

- MONITORAGGIO DELLE CONDIZIONI DI INNEVAMENTO DELLA MEDIA E ALTA QUOTA ALPINA:
per la parte meteorologica, il SGL utilizza una stazione dedicata (S. Antonio di Valfurva), altre stazioni che afferiscono alla rete ARPA della Lombardia e a fonti private, e tre siti di data-logger di temperatura e umidità (Biv. Corti, e Biv. Resnati nelle Orobie Valtellinesi e al Venerocolo nell' Adamello) al fine di redigere annualmente una valutazione complessiva dell’andamento meteo-climatico del settore di montagna lombarda situato oltre i 2500 m di quota.
La parte nivologica viene svolta presso un sito glaciale di alta quota principale (Monte Sobretta, Ghiacciaio di Alpe Sud, 3180 m) e in altri 6 controllati nel periodo maggio-ottobre (siti di controllo). I dati, raccolti con cadenza mensile nel sito principale e in tre occasioni nel corso della bella stagione nei siti di controllo, sono disponibili al pubblico in rete. Per la realizzazione di questo servizio, il SGL si avvale di una apposita convenzione “senza portafoglio” con l’ARPA Lombardia (Centro Nivo-meteorologico Regionale di Bormio), co-proprietaria dei dati.
1 Nivologia Campo Nord Paradisìn 21 Maggio 2016 Davide Colombarolli